Riassunto

Dal 2010 il gruppo di lavoro del Laboratorio Cartolab (Dipartimento di scienze umane dell’Università dell’Aquila) conduce ricerche finalizzate al monitoraggio dei cambiamenti del territorio aquilano a seguito del sisma del 2009 soprattutto dal punto di vista delle pratiche quotidiane dei suoi abitanti. Le ricerche sono state condotte secondo la metodologia della ricerca-azione partecipativa/partecipante (RAPP), messa a punto e affinata nel tempo per rispondere alle specifiche esigenze di analisi delle riconfigurazioni socioterritoriali in contesti di post-disastro. Al fine di illustrare come il territorio aquilano sia mutato dopo il sisma e come ciò abbia modificato i comportamenti delle persone, si darà conto dei principali risultati delle ricerche condotte, soffermando l’attenzione soprattutto sul tema del tempo libero. Il monitoraggio dei luoghi del tempo libero delle persone nel corso degli anni (confrontando prima e dopo il sisma, ma anche nel corso del post-terremoto) permette di mostrare in generale in che modo sia cambiato l’assetto socioterritoriale dell’Aquila e, quindi, nel complesso, come sia mutata la sua geografia sociale.

 Parole chiave: cambiamenti territoriali, luoghi della quotidianità, partecipazione, ricerca-azione, tempo libero

Abstract

Since 2010, the Cartolab Laboratory research team (Department of Human Studies, University of L’Aquila) has been investigating the social geography in the post-earthquake period through the analysis of the territorial changes and new sociospatial configurations occurred in the everyday life of the L’Aquila inhabitants. Accordingly, this paper aims to describe the principal results of researches concentrating on the use of leisure time and leisure places in the post-disaster period in L’Aquila. The paper uses an action-research/participating- participatory (RAPP) methodology. The paper presents the monitored changes occurred in leisure time and places, and compares them with the conditions before the earthquake. Primary data have been retrieved by surveys and interviews. Results indicate that acceleration of fragmentation and dispersion of inhabitants are the main characteristics of the new sociospatial configuration in the post-disaster period in L’Aquila.
 

 Keywords: territorial changes, everyday places, participation, action-research, leisure time

 24/04/2018      Visite