A metà strada, il Programma strategico salute e ambiente comincia a presentare i suoi frutti. La due giorni di Roma (4-5 febbraio 2010) è servita proprio per fare il punto degli studi finanziati dal programma e per delineare i futuri sviluppi che, come ha ricordato il coordinatore del progetto, Pietro Comba, dell’Istituto superiore di sanità, dovrà ora integrare le varie linee di ricerca fra loro e, soprattutto, pensare a come trasferire i risultati ottenuti nella prassi della sanità pubblica e della prevenzione. La prima giornata del convegno si è snodata intorno ai grandi temi degli aspetti sanitari connessi all’inquinamento del-l’aria, ai siti di bonifica e del ciclo dei rifiuti.

Inquinamento atmosferico

 Francesco Forastiere (Dipartimento di epidemiologia ambientale, SSR Lazio E) ha iniziato riferendo dello studio EpiAir, presentato lo scorso novembre presso il Ministero della salute...Accedi per continuare la lettura

 26/04/2010      Visite