Riassunto

Non vi è dubbio che il termine «disastro» sia pienamente appropriato per definire la vicenda ILVA nel momento in cui la drammatica situazione ambientale, sanitaria e sociale dell’area coinvolta riscuote grande attenzione dai mass media.

Sarebbe inappropriato tuttavia limitare l’applicazione del termine a quello che noi oggi osserviamo, ossia ai danni che possono essere descritti e in qualche misura quantificati con indagini di tipo epidemiologico, ambientale, economico e anche socio-psicologico.

I danni non sono «il disastro »,ma lamanifestazione conclamata che un disastro strisciante si è perpetuato (e perpetrato) per decenni.

Non sono il risultato di un evento puntuale, improvviso, inatteso, imprevisto o addirittura imprevedibile, bensì la tangibile conseguenza di una mancata capacità, e forse più spesso di unamancata volontà, di affrontare le questioni della produzione e del lavoro nel loro contesto e con una visione temporale di lungo periodo.

RICORDIAMO AI LETTORI che E&P non riceve sovvenzioni pubbliche o introiti pubblicitari, fare l'abbonamento è l'unico modo per sostenere la rivista. Per informazioni sugli abbonamenti clicca qui.

 11/12/2012      Visite