Il Rapporto AIRTUM 2011 ripropone all'attenzione il tema della sopravvivenza dei pazienti oncologici in Italia. L'aggiornamento di dati e analisi e il confronto con le precedenti monografie dedicate allo stesso argomento pubblicate nel 2001 e nel 2007 consentono di tracciare un vero e proprio percorso di riflessione su elementi importanti dell'impatto delle strategie diagnostiche e terapeutiche in campo oncologico negli ultimi due decenni.

Continua a leggere...

L'analisi della sopravvivenza è universalmente riconosciuta tra gli indici più importanti per indagare l'evoluzione dell'approccio al cancro da parte di un'organizzazione sanitaria: sinteticamente essa esprime sia gli esiti legati all'evoluzione degli strumenti diagnostici e della conseguente anticipazione della presa in carico del paziente oncologico, sia quelli relativi all'aumento dell'efficacia delle terapie antitumorali e del percorso assistenziale in generale.

Molti determinanti quindi, e con effetti differenti sui vari tipi di tumore, racchiusi in un unico indicatore: da qui la necessità di indagare con attenzione e segnalare criticamente lemolteplici prospettive di interpretazione.

Lo studio esprime chiaramente in questo senso lo sforzo di tutti coloro che hanno contribuito nell'offrire analisi complesse, spunti critici e solidi confronti in senso temporale e geografico, capaci di far risaltare ipotesi sul peso dei vari fattori nell'influenzare la durata, e verosimilmente anche la qualità della vita dei pazienti oncologici. L'opera, inoltre, fa proprie nuove assunzionimetodologiche e nuovi modelli di analisi in linea con le più recenti acquisizioni presenti in letteratura; ciò renderà lo studio immediatamente confrontabile con gli studi europei e internazionali di prossima pubblicazione.

Negli ultimi venti anni la sopravvivenza a 5 anni dei malati di tumore, sia maschi, sia femmine, è andata via via aumentando, con una progressiva attenuazione delle differenze di genere. Nelle aree del Centro-Nord il livello e l'omogeneità di questo indicatore documentano una buona e diffusa qualità degli interventi diagnostici e terapeutici, mentre le regioni meridionali continuano a essere gravate da una minore aspettativa di vita dopo la diagnosi di un tumore, in gran parte a causa della ridotta anticipazione diagnostica rispetto al resto del Paese.

Lo studio analizza ulteriori elementi strategici per le scelte di sanità pubblica in futuro, dalla sopravvivenza nell'età anziana con i suoimolteplici co-fattori, alle tendenze dei tumori ad alta e bassa letalità, alle attività di screening organizzato e non organizzato, con le conseguenti ricadute in termini di efficienza e sovradiagnosi, aprendo prospettive di intervento per la cui realizzazione la disponibilità dei dati dei Registri tumori rappresenta un fattore determinante.

Un cenno finalemerita l'ormai consolidato ruolo di AIRTUM, attraverso il sostegno del CCM, nel fornire con regolarità gli aggiornamenti principali sull'epidemiologia dei tumori in Italia, basati su accurati dati di popolazione. Ciò costituisce da tempo, è bene non dimenticarlo, una grande e in larga parte ancora sottoutilizzata risorsa di conoscenza per la ricerca di base, la clinica, l'organizzazione sanitaria.Gli stessi Rapporti annuali vedono progressivamente aumentare la loro rappresentatività per la forte espansione in atto dei Registri, che ha portato la copertura della popolazione nazionale oltre il 35% e pone l'Italia al secondo posto in Europa per quantità di popolazione sorvegliata da registri tumori.

Si tratta di un bagaglio di esperienze e di energie che ha ancora davanti a sé grandi prospettive di espansione e notevoli responsabilità di un continuo miglioramento qualitativo, per poter giocare un ruolo sempre più incisivo nella complessa valutazione di impatto dei fattori di rischio oncologici e dei percorsi diagnostico-assistenziali.

L'impegno attuale dei registri italiani risulta del resto ancor più evidente a fronte delle difficoltà strutturali e dellamancanza di riconoscimento giuridico che ne hanno pesantemente limitato il lavoro in questi ultimi anni. Il superamento di questi problemi è ormai condizione obbligata per continuare a offrire conoscenza e competenza e per tutelare una logica di rete che ha da sempre animato l'attività di AIRTUM, in consonanza con gli orientamenti progettuali della sanità pubblica italiana e con le migliori esperienze internazionali.

Il comitato direttivo
Associazione italiana registri tumori


Indice

p. 5
Prefazione
foreword
p. 7
Introduzione
introduction
p. 9
Riassunto
abstract
p. 11
1. La sopravvivenza oncologica in italia
critical appraisal of survival data
p. 27
2. I confronti internazionali
international comparison
p. 39
3. Tumori maligni in bambini e adolescenti
Malignant neoplasms in children and adolescents
p. 45
Tumori maligni nei bambini (0-14 anni)
Malignant neoplasms in children (0-14 years)
p. 46
Tumori maligni negli adolescenti (15-19 anni)
Malignant neoplasms in adolescents (15-19 years)
p. 47
Tumori maligni sotto i 20 anni d'età
Malignant neoplasms in children and adolescents (0-19 years)
p. 49
4. La sopravvivenza nei pazienti oncologici anziani
cancer survival in elderly patients
p. 57
5. Schede specifiche per tumore
cancer-specific data sheets
p. 58
Guida alla lettura delle schede specifiche per tumore
A guide to the cancer-specific data sheets
p. 68
Tumore della testa e del collo
Head and neck cancer (M, F, MF)
p. 71
Tumore delle ghiandole salivari
Salivary gland cancer (MF)
p. 72
Tumore dell'esofago
Oesophagus cancer (MF)
p. 73
Tumore dello stomaco
Stomach cancer (M, F, MF)
p. 76
Tumore dell'intestino tenue
Small intestine cancer (MF)
p. 77
Tumore del colon
Colon cancer (M, F, MF)
p. 80
Tumore del retto
Rectum cancer (M, F, MF)
p. 83
Tumore del colon retto
Colon rectum cancer (M, F, MF)
p. 86
Tumore del fegato
Liver cancer (M, F, MF)
p. 89
Tumore della colecisti e delle vie biliari
Gallbladder and extrahepatic bile ducts cancer (M, F, MF)
p. 82
Tumore del pancreas
Pancreas cancer (M, F, MF)
p. 95
Tumore della laringe
Larynx cancer (M, F, MF)
p. 98
Tumore del polmone
Lung cancer (M, F, MF)
p. 101
Tumore dell'osso
Bone cancer (MF)
p. 102
Melanoma cutaneo
Skin melanoma (M, F, MF)
p. 105
Mesotelioma
Mesothelioma (MF)
p. 106
Sarcoma di Kaposi
Kaposi sarcoma (MF)
p. 107
Tumore dei tessuti molli
Soft tissue cancer (MF)
p. 108
Tumore della mammella femminile
Female breast cancer (F)
p. 109
Tumore della cervice uterina
Cervix uteri cancer (F)
p. 110
Tumore del corpo dell'utero
Corpus uteri cancer (F)
p. 111
Tumore dell'ovaio
Ovary cancer (F)
p. 112
Tumore della prostata
Prostate cancer (M)
p. 113
Tumore del testicolo
Testis cancer (M)
p. 114
Tumore del rene
Kidney cancer (M, F, MF).
p. 117
Tumore delle vie urinarie
Other urinary system cancer (MF)
p. 118
Tumore della vescica
Urinary bladder cancer (M, F, MF)
p. 121
Melanoma dell'occhio
Choroid melanoma (MF)
p. 122
Tumore dell'encefalo e del SNC
Brain and central nervous system cancer (M, F, MF)
p. 125
Tumore della tiroide
Thyroid cancer (M, F, MF)
p. 128
Linfoma di Hodgkin
Hodgkin lymphoma (M, F, MF)
p. 131
Linfoma non Hodgkin
Non Hodgkin lymphoma (M, F, MF)
p. 134
Mieloma
Myeloma (M, F, MF).
p. 137
Leucemia linfatica acuta
Acute lymphocytic leukaemia (MF).
p. 138
Leucemia linfatica cronica
Chronic lymphocytic leukaemia (MF)
p. 139
Leucemia mieloide acuta
Acute myeloid leukaemia (MF)
p. 140
Leucemia mieloide cronica
Chronic myeloid leukaemia (MF)
p. 141
Leucemie
All leukaemias (M, F, MF)
p. 144
TUTTI I TUMORI esclusi i tumori non melanomatosi della cute
ALL SITES except non melanoma skin cancer (M, F)
p. 146
TUTTI I TUMORI esclusi i tumori della vescica e i non melanomatosi della cute
ALL SITES except non melanoma skin cancer and bladder cancer (M, F)
p. 149
6. Materiali e metodi
Materials and methods
p. 170
Appendice 1
Appendix 1
Tabelle riepilogative/Summary tables
p. 197
Appendice 2
Aappendix 2
La rete dei registri AIRTUM
The Network of the AIRTUM Cancer Registries
 18/12/2011      Visite