Introduzione

Lo spostamento di attenzione da una pratica ormai ridotta a una serie di comportamenti automatici, l’esecuzione di un test d’ipotesi con il suo corredo di valori di p e risultati statisticamente significativi, all’uso degli intervalli di confidenza richiede che siano affrontati tutti i punti in cui la statistica viene utilizzata nella ricerca epidemiologica. Nelle precedenti rubriche abbiamo cercato di illustrare come trattare l’incertezza campionaria e mostrato come usare la probabilità a posteriori e il suo ruolo nel caso dei confronti multipli (il cosiddetto q-value). 1

Discutiamo in questa rubrica del calcolo della potenza e della dimensione dello studio. Si definisce potenza la probabilità di dichiarare significativo un test sotto ipotesi alternativa, ed è il complemento a uno della probabilità di errore di secondo tipo...Accedi per continuare la lettura

 15/09/2011   30/12/2020      Visite