Bernardino Ramazzini viene convocato, a Modena, al capezzale di una marchesa la quale, poche ore dopo il parto, versa in gravissime condizioni. La puerpera muore e l’epicrisi stilata dal carpigiano arriva nelle mani del fiorentino Giovanni Andrea Moneglia; questi deplora, non senza asprezza, il fatto che non si sia intervenuti chirurgicamente e diffonde il suo giudizio che giunge anche al suo rivale il quale fa stampare assieme la censura e una sua risposta che deve poter dimostrare, anche argutamente, la tesi di segno opposto a quella sostenuta dal rivale.

Il fiorentino replica insistendo nell'accusare d'inettitudine l'avversario il quale risponde ribattendo con un profluvio di citazioni a tutte le argomentazioni. Segue un'ulteriore censura con crescendo di ironia e quindi, sono trascorsi due anni dal fatto, una quarta risposta che rimarrà inedita sino al 1758...Accedi per continuare la lettura

 22/12/2011      Visite