Riassunto

OBIETTIVI: analizzare e valutare le differenze di mortalità per livello di istruzione nella popolazione residente in Italia.
DISEGNO:
studio longitudinale basato sul record linkage tra i decessi registrati negli archivi nazionali dell’indagine su decessi e cause di morte dal 2012 al 2014 e l’archivio del Censimento 2011.
SETTING E PARTECIPANTI:
popolazione residente in Italia alla data del censimento 2011, classificata in 3 categorie (alto, medio, basso)secondo il livello di istruzione.
PRINCIPALI MISURE DI OUTCOME:
speranza di vita alla nascita per livello di istruzione, tassi di mortalità standardizzati per età, rapporti tra tassi standardizzati di mortalità (MRR) per tutte le cause e 12 raggruppamenti di cause di morte. Tutte le analisi sono state stratificate per genere e ripartizione geografica.
RISULTATI:
la speranza di vita alla nascita è pari a 80,3 anni per gli uomini e 84,9 per le donne. Gli uomini con istruzione elevata possono sperare di vivere circa 3 anni in più rispetto ai meno istruiti, le donne circa 1,5 anni. Rispetto al valore nazionale, la mortalità è più alta al Sud, indipendentemente dal livello di istruzione. Gli uomini con basso livello d’istruzione hanno una maggiore mortalità totale rispetto ai più istruiti (MRR: 1,34; IC95% 1,33-1,35) e con differenziali più marcati per i tumori del polmone, delle vie aerodigestive superiori e del fegato, per le malattie del sistema respiratorio, l’AIDS e gli incidenti. Le disuguaglianze sono più marcate nel Nord-Ovest per i tumori del polmone e del fegato. Le disuguaglianze per istruzione nella mortalità totale sono di minore entità nelle donne, ma più marcate per le malattie del sistema circolatorio (MRR: 1,40; IC95% 1,38-1,42), in particolare nel Sud (MRR: 1,46; IC95% 1,42-1,50).
CONCLUSIONI:
lo studio ha documentato disuguaglianze socioeconomiche nella mortalità in Italia per molte cause di morte, in alcuni casi eterogenee per area geografica e in buona parte contrastabili con azioni sui fattori di rischio comportamentali.

 Parole chiave: disuguaglianze socioeconomiche, equità, livello di istruzione, mortalità

Abstract

OBJECTIVES: to evaluate socioeconomic inequalities in mortality by educational level in Italy.
DESIGN:
cohort study based on the record linkage between the 2012-2014 archives of mortality and the 2011 Italian population Census.
SETTING AND PARTICIPANTS:
Italian population registered in the 2011 Census.
MAIN OUTCOME MEASURES:
life expectancy by educational level, age-standardized mortality rates, mortality rate ratios (MRRs) for overall mortality, and 12 groups of causes of death.
RESULTS:
life expectancy at birth was 80.3 years among men and 84.9 among women. High-educated men were expected to live 3 years longer than lower educated men, while the gap was narrower in women (1.5 years). Lower educated men had a higher mortality from any cause (MRR: 1.34; 95%CI 1.33-1.35) with larger differentials for lung, upper aerodigestive, and liver cancers, respiratory system diseases, AIDS and accidents. Socioeconomic inequalities were larger in the North-West of the Country for lung and liver cancer. Educational inequalities were smaller among women for all-cause mortality, but remarkably larger for circulatory system diseases (MRR: 1.40; 95%CI 1.38-1.42), particularly in the South (MRR: 1.46; 95%CI 1.42-1.50).
CONCLUSIONS:
this study documented socioeconomic inequalities in mortality in Italy for many causes of death; some of them resulted heterogeneous by area of residence. Most of the inequalities can be counteracted with specific measures aimed to improve behavioural risk factors among less educated people.

 Keywords: socioeconomic inequalities, equity, education level, mortality

 11/12/2018   12/01/2021      Visite